Il nostro giubilo a Don Petru Blaj, per i suoi 25 anni di sacerdozio

Preacucernice Părinte Petru,

În această zi frumoasasă
Cu drag noi ne-amintim
Că în Biserica noastră
Un bun păstor sărbătorim

Îți mulțumim, Părinte Petru,
Că ești aproape de noi
Cu vocea ta cuminte
În inimi, dragoste altoi

Că ai răbdare multă
Pe toți să ne asculți
Şi cu smerita-ţi rugă
Haruri să primim ne-ajuţi

Că din dulci ispite,
Ne-arăţi cum să ieșim
Şi înspre cele Sfinte
Ne chemi să năzuim

Să ne trăiești Părinte !
Viața ta ne fie povață
Și cu luare aminte
Tu ne înveți, precum Te Învaţă.

(adaptare după o poezie a lui Dorel Ţurcanu)

Futuro Insieme

Canonico Don Petru Blaj, originario della Romania, ordinato il 6 marzo 1993, è sacerdote diocesano, Canonico del Capitolo della Cattedrale di Narni (TR) ed è alla guida della parrocchia di SS. Giuseppe, Egidio e Marina di Nera Montoro e Treie.

Don Petru Blaj (Foto: http://www.diocesi.terni.it)

Oggi festeggiamo la storia di una chiamata iniziata venticinque anni fa con la sua Ordinazione sacerdotale, avvenuta nella concattedrale di Amelia,  il 6 marzo 1993.

Alle ore 18, la Santa Messa presieduta dal Vescovo di Terni-Narni-Amelia S.E. Rev.ma Mons. Giuseppe Piemontese nella Chiesa parrocchiale dei SS. Giuseppe, Egidio e Marina di Nera Montoro.

Don Petru Blaj è nato a Botești-Neamț (Romania), il 21 aprile 1961. Laureato in Cristologia e Comunicazioni sociali alla Pontificia Università Gregoriana; ha svolto il ministero di viceparroco ad Amelia e alla Polymer, per poi divenire parroco a Stroncone, Foce, Santa Maria in Monticelli di Amelia e Collescipoli.  Oggi è parroco dei SS. Giuseppe Egidio e…

View original post 252 altre parole

Annunci

Sfântul Vasile cel Mare / San Basilio Magno

Astăzi, în familia noastră se sărbătorea ziua bunicului Vasile Farcaș, tatăl mamei noastre. Dacă de Crăciun și de Revelion, cei 9 copii ai lui Vasile și Elena Farcaș, petreceau fiecare la casele lor, fiecare cu propria familie.   Pe 2 ianuarie, iată că veneau cu mic și mare la țară, sa-l sărbătoarească pe Tata, de Sfântul Vasile.  Unii dintre verișorii mei nu au avut bucuria de a-l cunoaște, pentru că a trecut la Domnul  prea devreme. Dumnezeu să-l primească printre aleșii Săi, să-l odihnească în pace! Noi îl amintim în continuare ca în fiecare an, cu o rugăciune, o lumânare aprinsă și un pahar plin, repetând, fiecare după credința lui:  „Să fie bine primit”,  „Dumnezeu să facă parte”, „Bogdaproste”!

 2 ianuarie 2018, de Simona Cecilia Farcaș

Rugăciunea Sfântului VASILE CEL MARE pentru animale:

            “O, DOAMNE, fă să sporească în noi simțământul prieteniei față de toate făpturile, frații noștri mai mici, cărora Tu le-ai dăruit acest pământ pentru a le sluji drept cămin în care să trăiasca alături de noi.
Fie ca noi să înțelegem că acestea nu trăiesc numai pentru noi, ci și pentru ele și pentru Tine, și că se bucură de minunea vieții la fel ca și noi și Îți  slujesc după puterea lor mai bine decât o facem noi după puterea noastra”!       

It:  “O Signore, accresci in noi la fratellanza con i nostri piccoli fratelli; concedi che essi possano vivere non per noi, ma per se stessi e per Te; facci capire che essi amano, come noi, la dolcezza della vita e ti servono nel loro posto meglio di quanto facciamo noi nel nostro ” !

  (La preghiera è così riportata in Famiglia Cristiana del 14 ottobre 2007, nell’articolo Diversamente giovani di Franca Zambonini, p. 174.)

***

   ” Dumnezeu este Făcătorul Naturii și,  prin urmare, aceasta ne ajută să-L vedem si să-L înțelegem cu adevărat!… Venerație pentru orice viață, bunăvoință, iubire și milă față de animale și întreaga Creație, toate acestea sunt însușiri ale unei minți ascuțite și ale virtuții: ”CEL DREPT ARE  MILĂ  DE  VITE, iar inima celui rău este fără îndurare” (Sfântul Vasile, Pilde 12:10).

***

„Turme de oi pasc pe unul şi acelaşi munte; nenumăraţi cai îşi culeg hrana pe una şi aceeaşi câmpie; şi toate celelalte animale lasă unele altora hrana de care au nevoie. Dar noi oamenii ne însuşim bunurile comune tuturora şi ne facem singurii stăpâni pe cele ce sunt ale celor mulţi“ (Sfântul Vasile, Omilii şi cuvântări, omil. a VIII-a, VIII).

***

„Tu zici: Pe cine am păgubit păstrând numai pentru mine ceea ce este al meu? Dar spune-mi sincer: Ce este al tău? Cine ţi-a dat drept de proprietar peste ceea ce ai? Dacă fiecare s-ar mulţumi cu ceea ce-i este necesar şi ar da săracilor ceea ce-i prisoseşte, nu ar exista nici săraci, nici bogaţi”. ( Sfântul Vasile, adresându-se unui interlocutor)

2 ianuarie / Sfinţii Vasile cel Mare şi Grigore din Nazianz

episcopi şi învăţători ai Bisericii (comemorare)

Astăzi vom spune că sfântul Vasile era un “descendent al unei familii de artişti”: familia sa număra o mână de sfinţi: au fost sfinte bunica Macrina, mama Emmelia, sora Macrina; au fost sfinţi fratele Petru, episcop de Sebaste, dar şi Grigore, episcop de Nyssa. A fost apoi prieten intim cu un alt sfânt, Grigore, episcop de Nazianz sau Nazianzenul, care este unit în amintirea liturgică, pentru că a participat la însăşi preocuparea sa intensă de a fi sfânt, a avut o formare culturală asemănătoare şi a nutrit aceeaşi aspiraţie spre viaţa monastică. Sfântul Vasile este considerat chiar pionier al vieţii cenobiţilor din Orient: în 358, împreună cu prietenul, într-o retragere solitară la Neocezareea în Pont, a redactat două importante Reguli care au orientat viaţa monahilor, care de la el se cheamă “bazilitani”.

Aşa cum se întâmplă altor personaje ilustre, s-a putut bucura destul de puţin timp de singurătate şi tăcere, atât de dragi inimii sale. Fiind hirotonit preot iar apoi chemat să conducă dieceza de Cezarea Cappadociei, a trebuit să se angajeze în apărarea dogmei creştine contra arianismului, devenit puternic graţie sprijinului împăratului Valentinian; Vasile a adunat astfel moştenirea sfântului Atanasie şi, asemenea lui, a ştiut să se bazeze pe autoritatea pontifului roman pentru a combate greşeala. Dar nu angajarea sa doctrinară i-a meritat apelativul, încă viu, de “cel Mare”, adică “măreţ”. A fost însă intensa sa activitate pastorală, din care fac parte şi vibrante omilii şi pasionate opuscule, cum este Scrisoarea către tineri, şi un bogat Epistolar.

Tema care revenea cel mai adesea şi cu mai multă forţă era cea a carităţii, a ajutorării fraţilor nevoiaşi. Adresându-se unui interlocutor imaginar, declara astfel: “Faţă de cine am greşit, spui tu, păstrând ceea ce este al meu? Spune-mi în mod sincer, ce îţi aparţine? Dacă fiecare s-ar mulţumi cu necesarul şi ar da săracilor ceea ce este superfluu, nu ar fi nici bogaţi nici săraci”. Şi el nu se mulţumea numai cu cuvinte: la porţile Cezareei a dat viaţă unui adevărat oraş al carităţii cu azile, adăposturi, spitale, laboratoare şi şcoli de meserii.

Născut ca şi sfântul Vasile în anul 330, sfântul Grigore Nazianzenul a supravieţuit circa zece ani mai mult decât prietenul său mort în anul 379. Om de studiu şi poet, pentru excelenta sa doctrină şi elocvenţă a primit apelativul de “teologul”. Celebru este pasionatul său Discurs de adio, când a trebuit să plece din Constantinopol datorită intrigilor adversarilor săi. “Totul este instabil”, scria el în Poeme morale, “pentru ca să păstrăm iubirea faţă de lucrurile stabile”.

(Text preluat din cartea Sfântul zilei de Mario Sgarbossa şi Luigi Giovannini
Edizioni Paoline, 1978. Traducere de pr. Iosif Agiurgioaei

Sursa: http://www.ercis.ro/liturgie/sfantzi.asp )

Le incredibili proprietà del bicarbonato di sodio

 L’uso corrente del bicarbonato di sodio inizia verso la metà del XIX secolo.

Il Bicarbonato di sodio ha diversi nomi : carbonato acido di sodio – carbonato acido monosodico – idrogeno carbonato di sodio – backing soda – sale di Vichy – bicarbonato Solvay
e delle caratteristiche chimiche : é solubile in acqua – é poco solubile nell’alcool – é delicatamente abrasivo – é fungistatico – é debolmente alcalino – non é combustibile

Il libro Le incredibili proprietà del bicarbonato di sodio, di Alessandra Moro Buronzo: un piccolo manuale piacevole e istruttivo che raccoglie diversi consigli, informazioni e trucchi per diventare affezionati consumatori del bicarbonato di sodio.

La saggezza delle nonne

Le nostre nonne tenevano sempre a portata di mano una scatola di bicarbonato di sodio, per diversi usi quotidiani, come la pulizia della casa, lavare frutta e verdura, contro l’acidità di stomaco, o per disinfettare gli abiti e gli accessori dei neonati.
Ancora oggi il bicarbonato di sodio è un ottimo alleato naturale dalle molteplici applicazioni di uso sicuro ed efficace e può sostituire i prodotti chimici nella pulizia della casa e nella cura personale, dannosi per la nostra salute e per l’ambiente.

Ecco un elenco degli utilizzi più comuni del bicarbonato di sodio.

 


IL BICARBONATO DI SODIO NELLE PULIZIE DI CASA

Preparando una miscela di bicarbonato di sodio ed acqua si possono effettuare le pulizie di casa semplicemente strofinando vigorosamente con una spugna o un panno umido le superfici lavabili della cucina, e risciacquando alla fine.
La stessa miscela con un aggiunta di un bicchiere di aceto bianco è ottimo come detersivo naturale per i pavimenti in ceramica.
Passare l’argenteria (per chi ce l’ha) con un panno umido e un’emulsione di tre parti di bicarbonato ed una di acqua, risciacquando e asciugando bene, la lascerà pulita e brillante.
È geniale per rimuovere gli odiosi acari che si annidano nei tappeti e nella moquette: basta cospargere bene la superficie con il bicarbonato, lasciarlo agire per un’intera notte e il giorno dopo rimuovere tutto con l’aspirapolvere.
Questo rimuoverà anche i cattivi odori sia dal tappeto che dall’aspirapolvere.
Nell’acqua per lavare i piatti, un cucchiaio di bicarbonato aiuta a rimuovere le macchie ostinate e potenzia l’effetto del detersivo.
Posizionare una ciotola con circa 200 g di bicarbonato in frigorifero elimina i cattivi odori.
Perfetto anche per la pulizia periodica delle pareti interne del frigorifero con una soluzione composta da 4 cucchiai di bicarbonato in un litro d’acqua.
Stesso vale per la caffettiera, la polvere miracolosa permette di eliminare macchie e cattivi odori con una semplice soluzione fatta con un bicchiere di aceto di mele e due cucchiai di bicarbonato.

Strofinare le superfici con una spugna inumidita e del bicarbonato asciutto è utile per rimuovere le macchie di teina dalle tazze o dalle teiere.

Aggiungerne un cucchiaio nel cassetto del detersivo della lavatrice migliora l’azione sbiancante sulla biancheria durante il lavaggio.

Sempre con il bicarbonato, si possono pulire i sanitari del bagno senza graffiarli, versandone un po’ su una spugna umida, poi risciacquare.

Per allontanare scarafaggi e formiche basta cospargere le fessure e i punti d’ingresso degli insetti con qualche goccia di olio essenziale di menta, eucalipto o salvia.

Spargendone qualche cucchiaio sul fondo della pattumiera serve ad eliminare i cattivi odori.
Ha la stessa efficacia nelle lettiere per gatti, così come sul fondo della cesta della biancheria, e agisce anche come disinfettante.

Quando l’effetto del bicarbonato di sodio sarà quasi svanito (questo avviene dopo circa due mesi), invece di gettarlo nella spazzatura è meglio versarlo negli scarichi per pulire e disinfettare anche quelli.
L’INGREDIENTE SEGRETO NELLE RICETTE
Il bicarbonato di sodio serve anche nella lievitazione dei dolci da forno e delle torte, infatti se se ne aggiunge un cucchiaino di bicarbonato al lievito utilizzato ne potenzia l’effetto.
Se si desidera eliminare completamente il lievito, bisogna mescolare la punta di un cucchiaino di bicarbonato con un vasetto di yogurt.
Con la punta di un cucchiaino di bicarbonato ogni 3 uova, si ottiene una frittata morbida e soffice.
La medesima dose è necessaria per rendere il bollito più tenero.

Un cucchiaio sciolto nell’acqua di lavaggio dei vegetali è un antiparassitario naturale che elimina le impurità da frutta e verdura; occorre risciacquare con abbondante acqua.
Stesso vale per la cottura dei legumi e delle verdure; un cucchiaio di bicarbonato ogni litro d’acqua nella pentola aiuterà la cottura ed eliminerà l’amaro delle verdure.

PER LA CURA ED IL BENESSERE DELLA PERSONA
Se una volta la settimana mettete un po’ di bicarbonato sullo spazzolino, spazzolando normalmente rende i denti più bianchi.
Per rendere il sapore più gradevole, aggiungete poche gocce d’olio essenziale di menta.
Questo trucco non è da usare troppo spesso, per non danneggiare lo smalto dei denti.
Sciogliendo due cucchiaini di bicarbonato in una tazza d’acqua calda, serve per pulire a fondo la protesi dentaria; servirà per togliere i rimasugli di cibo.
Una pasta di bicarbonato composta con 3/4 di bicarbonato ed 1/4 di acqua, è un perfetto scrub dolce per levigare e purificare la pelle di viso e corpo, da applicare e massaggiare delicatamente con movimenti circolari per eliminare le cellule morte e le impurità, dando nuova luce e freschezza alla pelle.
Il bicarbonato può dare sollievo ai piedi dopo una giornata di lavoro; basta aggiungere due cucchiai in acqua tiepida o calda, e metterci i piedi in ammollo per almeno 10-15 minuti.
Per trattare le parti callose passare sui punti più ostici una pasta preparata con acqua e bicarbonato.
Stesso vale per rendere le mani morbidissime, immergendole per 10 minuti in una soluzione di acqua e bicarbonato (2 cucchiai per litro) prima della manicure.
Per dei capelli morbidi e lucenti basta amalgamare un cucchiaino di bicarbonato allo shampoo solitamente utilizzato, aiuterà ad eliminare i residui di calcare dell’acqua e le sostanze dei prodotti di styling, da massaggiare e risciacquare con cura.

Il bicarbonato di sodio è un vero e proprio deodorante, efficace, low cost, che evita il rischio di irritazioni o di reazioni allergiche.
Basta applicare la polvere sulle parti interessate con le dita o con un piumino da cipria.
Se preferite un deodorante liquido invece sciogliete due cucchiaini di bicarbonato in un bicchiere d’acqua, lasciate riposare per 24 ore e trasferite il tutto in un contenitore spray.

È un buon digestivo e antiacido, da sciogliere nella misura di mezzo cucchiaino in mezzo bicchiere d’acqua, senza abusarne.

Il bicarbonato di sodio è spesso usato dagli atleti per abbassare la produzione di acido lattico nei muscoli, ma si consiglia molta attenzione sulla quantità che si ingerisce, perché se si esagera può causare gravi problemi, fino al coma.

 Se si seguono i giusti dosaggi questo semplice sale di sodio è un rimedio naturale davvero versatile, facilmente reperibile e a basso costo, che evita di inquinare inutilmente l’ambiente domestico con detergenti tossici, aiutandoci nelle faccende domestiche.

Detto questo, perché comprare tanti prodotti diversi, quando ne basta uno soltanto, per di più amico della natura?

Fonte: http://ilmondoinungiardino.blogspot.it/ 

O dezamăgire devastatoare!

Suntem chemați să apărăm viața
și să o iubim până la sfârșit, necondiționat,
cu o inimă care nu caută ale sale,
nu ține cont de răul primit,
ci toate le suportă, toate le crede, toate le speră, toate le îndură
(cf. 1Cor 13,4-8).

Prea târziu te-am iubit...

Mama Maria si Pruncul IsusPuține lucruri sunt mai dureroase în viață decât dezamăgirile venite din partea celor pe care consideram că-i cunoaștem destul de bine. Am suferit enorm atunci când am avut așteptări din partea prietenilor și am fost dezamăgiți. Iar cel mai grav a fost atunci când am primit contrariul: să aștepți ajutor și să primești indiferență, să aștepți binele și să primești răul, să aștepți viață și ocrotire și să primești moartea etc. Atunci am spus împreună cu Domnul: „Ce ar mai fi trebuit să fac pentru via mea și nu am făcut? De ce, așteptându-mă să facă struguri, a făcut aguridă?” (Is 5,4).

Tocmai acest contrast devastator îl găsim în sfânta Evanghelie: soldații, oamenii care aveau menirea să ocrotească cetatea și să apere viețile din ea, tocmai ei sunt trimiși să ucidă prunci nevinovați. Cu adevărat a fost o zi plină de suferință, o zi cu „plângere și tânguire mare”…

View original post 868 altre parole

Le Conseguenze del “Distacco” dalla Natura: Nature Deficit Disorder

Dove vedo le sfide ecologiche e i segnali del degrado attorno a
me? Landscape amnesia
• Dove sperimento la bellezza della natura?
• Come e dove sperimento la natura? Nature deficit syndrome
Sulle orme dell’Enciclica Laudato Sì di Papa Francesco: “L’educazione ambientale è andata allargando i suoi obiettivi. Se all’inizio era molto centrata sull’informazione scientifica e sulla presa di coscienza e prevenzione dei rischi ambientali, ora tende a includere una critica dei “miti” della modernità basati sulla ragione strumentale (individualismo, progresso indefinito, concorrenza, consumismo, mercato senza regole) e anche a recuperare i diversi livelli dell’equilibrio ecologico: quello interiore con sé stessi, quello solidale con gli altri, quello naturale con tutti gli esseri viventi, quello spirituale con Dio. L’educazione ambientale dovrebbe disporci a fare quel salto verso il Mistero, da cui un’etica ecologica trae il suo senso più profondo. D’altra parte ci sono educatori capaci di reimpostare gli itinerari pedagogici di un’etica ecologica, in modo che aiutino effettivamente a crescere nella solidarietà, nella responsabilità e nella cura basata sulla compassione.” (LS, 210)

Andrea Magnani ' Blog

Nature Deficit DisorderAvete mai sentito parlare di Nature Deficit Disorder? Questo termine, impossibile da trovare nei manuali diagnostici e attualmente senza un’esatta traduzione in italiano, è stato coniato nel 2005 da Richard Louv, un giornalista appassionato di infanzia. Louv, nel suo libro Last Child in the Woods, spiega come le persone stiano trascorrendo sempre meno tempo all’aria aperta, a contatto con la natura, e questo fatto ha come conseguenza una serie di disfunzioni comportamentali, soprattutto nei bambini. Ad esempio questa alienazione da natura può portare, secondo Louv, ad una riduzione dell’uso dei nostri sensi (es. l’olfatto), difficoltà attentive e un aumento del rischio di disordini fisici e mentali.

Il problema principale è come i bambini vedono, imparano a conoscere, e imparano dal mondo. Come ha dichiarato il giornalista Stephen Moss della BBC, il mondo naturale non si presenta con il libretto delle istruzioni da seguire, ma…

View original post 455 altre parole

DICEMBRE, VITA SANA? FRUTTA E VERDURA DI STAGIONE

Cosa mangiare a dicembre?

Come frutta e verdura di stagione a dicembre bisognerebbe scegliere:

  • arance
  • bergamotto
  • cachi
  • castagne
  • clementine
  • cedri
  • pompelmi
  • limoni
  • mandarini
  • mele
  • melograno
  • kiwi
  • pere
  • pompelmi
  • uva

Mentre, gli ortaggi di questo mese sono:

  • aglio
  • barbabietole
  • bietole a coste
  • broccoli
  • broccolo romanesco
  • carciofi
  • cardi
  • carote
  • cavolfiore
  • cavolini di Bruxelles
  • cavolo cappuccio
  • cavolo verza
  • cicoria
  • cime di rapa
  • cipolle
  • finocchi
  • indivia
  • lattuga
  • patate
  • porri
  • radicchio
  • topinambur
  • valerianella
  • spinaci
  • tartufo bianco
  • tartufo nero
  • sedano
  • sedano rapa
  • porri
  • zucca

I toccasana per l’influenza e non solo

Sicuramente gli agrumi sono i frutti simbolo dei mesi più freddi per le importanti proprietà benefiche. Sono ipocalorici, dissetanti, ricchi di vitamine del gruppo B e C. Gli agrumi sono anche un sostegno per problemi di insonnia, inappetenza, fragilità capillare, oltre ad essere particolarmente indicati nelle diete depurative post abbuffate di Natale.

Tra la frutta di dicembre ricca di vitamina C anche kiwi e cachi. Non solo, l’elevato contenuto di fibre aiuta a regolarizzare l’intestino, così come la pectina contenuta nelle mele e nelle pere. Queste ultime sono anche ricche di calcio e fibre, utili per prevenire l’osteoporosi.
Chi ha carenza di ferro è autorizzato a scorpacciate di cavoli, cavolfiori, cavolini di Bruxelles, broccoli, più efficaci di una bistecca al sangue (sempre che vi abbiate aggiunto una spruzzata di limone poiché le fibre vegetali vengono assimilate in aggiunta alla vitamina C). Barbabietola rossa, cipolle e porri hanno proprietà antianemiche e sono è ricchi di sali minerali. Mentre il carciofo è indicato per chi soffre di disturbi di fegato e della colecisti; carciofi, finocchi e radicchi sono ideali per chi è a dieta sia perché ipocalorico, sia per le proprietà disintossicanti. Il podio delle vitamine A e C va a carote, zucca, bietole e spinaci: il beta-carotene previene da bronchite e difficoltà respiratorie.

Fonte: http://www.ilgiornaledelcibo.it/frutta-e-verdura-nel-mese-di-dicembre/

CI SALVERÀ UN’ECONOMIA CIRCOLARE E SOSTENIBILE?

 Nel suo ultimo libro, Il gusto per le cose giusteAndrea Segrè si rivolge ai ragazzi, riflettendo sui concetti di equilibrio e giustizia, trasposti al mondo del cibo. Dopo aver approfondito il progetto e le caratteristiche di Fico a Bologna – il grande parco agro-alimentare inaugurato mercoledì 15 novembre – con il professor Segrè abbiamo parlato del suo ultimo saggio, da poco uscito in libreria. Nella stessa occasione, abbiamo sottoposto al professore anche alcune domande sullo spreco alimentare, tema che da anni lo vede impegnato per contrastare un fenomeno sempre molto rilevante.

Il gusto per le cose giuste

Introducendo i temi del suo ultimo saggio, Andrea Segrè inizia col descrivere il legame fra il ‘gusto’ e il ‘giusto’, che va oltre una semplice assonanza e dal quale partono molte delle riflessioni ne Il gusto per le cose giuste. “Il gusto riporta al cibo, ma anche alla moderazione. Aggiungendo una vocale, quindi, abbiamo un collegamento diretto fra l’equilibrio, il cibo e la giustizia, in assenza della quale non c’è neanche piacere. L’equilibrio che sostengo riguarda gli alimenti, i movimenti e le menti”.

Nell’intento dell’autore, il libro vuole essere una lettera e un manifesto politico, da indirizzare ai giovani fra i 13 e i 30 anni, i nativi digitali della cosiddetta iGeneration. Quella che Segrè chiama “Generazione Z” sfugge alle etichettature e si trova spesso smarrita nell’iperconnessione contemporanea, pur manifestando passioni diversificate e interesse per il futuro, in genere visto come un insieme di precarietà e incertezza. Nei propositi del testo, quindi, c’è anche una sfida alle ingiustizie subite da un’intera generazione e la ricerca di una “filosofia pratica” – per usare le parole dell’autore – contro il pessimismo e la rassegnazione.

Un’economia circolare e sostenibile

Come si accennava, Il gusto per le cose giuste è innanzitutto un invito rivolto ai giovani a studiare e a documentarsi, imparando a osservare la realtà con uno sguardo interdisciplinare, inclusivo e aperto verso le diversità. Segrè ribadisce e sottolinea l’importanza di considerare i limiti naturali, anche nel rispetto della dignità delle persone e del lavoro, nell’ottica di uno “Stilmedio” fondato sull’equilibrio e sulla reciprocità. In chiave economica, la strada è quella di una sostenibilità nel solco della circolarità, propria dei sistemi naturali.

L’economia circolare, quindi, è un sistema nel quale ciò che si produce non genera rifiuti e sprechi, ma le risorse e i materiali vengono continuamente riutilizzati e rigenerati, trovando sempre una seconda vita. Più avanti approfondiremo questi temi, parlando di spreco alimentare.

Il moto circolare, nella visione di Andrea Segrè, potrebbe inoltre animare un vero cambiamento di prospettiva, sia su scala macroeconomica e sociale, sia nella dimensione della vita quotidiana. Se le ideologie sono in declino, resta comunque grande spazio per le idee e i progetti, l’azione contro la rassegnazione. Secondo l’autore de Il gusto per le cose giuste, l’economia circolare permetterà di superare la crisi, le distorsioni e i danni collaterali dell’economia lineare, che insegue una crescita illimitata e fuori dalla realtà.

La formazione dei giovani e della loro identità può giovarsi di questo schema circolare, che peraltro richiede un cambiamento di regole e paradigmi, basato sull’iniziativa e sulla voglia di rinnovare.

Il futuro e la circolarità sono già fra noi

L’intervistato ricorda che “sono già molte le imprese inserite in questa impostazione. Ciò comporta un uso sostenibile delle risorse, una pianificazione giudiziosa e responsabile, a partire dalla progettazione degli imballaggi”. Pertanto, tutto il percorso produttivo è coinvolto da questa linea guida, dalla progettualità, alla trasformazione, dalla distribuzione al consumo, che comprende anche il riuso, il riciclo e il recupero, per arrivare allo spreco zero, alla materia prima da destinare a un altro ciclo. Si può diminuire di molto la quantità di rifiuti anche promuovendo la crescita, che definiamo sostenibile. In un nostro articolo, abbiamo approfondito il rapporto fra spreco alimentare e consumismo.

Se è vero che gli esempi in questa direzione sono già molti, per Segrè “noi fruitori dovremmo essere più consapevoli, perché l’industria e le aziende sono pronte. È la volontà decisionale a essere in ritardo. Bisogna credere nella ricerca e fare massa critica, con la volontà di cambiare il sistema proponendo delle soluzioni”.

Volontà politica e partecipazione

Secondo l’autore, le soluzioni dal punto di vista imprenditoriale e tecnologico sono già realtà, così come sta crescendo la disponibilità da parte dei consumatori. Tuttavia, “servirebbe più coraggio politico per sostenerle, guardando davvero al futuro senza limitarsi ai sondaggi o alle prossime elezioni: questo è un manifesto per guardare oltre. Qual è la nostra visione? Dove vogliamo andare? Che società abbiamo in mente? Per non limitarsi alla teoria, è indispensabile creare i presupposti per far partecipare le persone, e soprattutto i giovani”.

Nella parte finale, Segrè indica dieci mosse, nell’ottica della filosofia pratica maturata in questi anni, per una società fondata sull’ecologia economica. L’economia, infatti, è parte di un insieme superiore, costituito dalle risorse naturali. “Questo mondo nuovo c’è già, ma si tende a trascurarlo. È questo che cerco di mostrare ai ragazzi, perché il futuro lo vivranno loro” sostiene Segrè.

La Generazione Z ce la farà?

I cosiddetti Millennials, in questa trattazione, sono pertanto investiti di una responsabilità cruciale, nell’opportunità di ricollocare l’economia e la società in un sistema sostenibile. Per Segrè questa generazione rappresenta la “Z” in quanto ultima lettera dell’alfabeto ma anche come occasione per un nuovo inizio. “Mi rivolgo soprattutto ai ragazzi che non studiano e non lavorano, consapevole del fatto che gli studenti universitari sono una sorta di élite. Purtroppo la maggior parte degli ‘Z’ non studia e non lavora, un dato molto grave, perché si rischia di perdere gran parte di questa generazione”.

L’invito dell’autore, quindi, vuole spingere questi giovani a uscire dal torpore e dall’indifferenza, assumendo consapevolmente la responsabilità del futuro, partecipando alle decisioni che si stanno prendendo adesso per l’avvenire che vivranno. Studiare, formarsi e interessarsi all’attualità economica e politica può essere un buon inizio, magari spendendosi in prima persona. “Per il mestiere che faccio e per come sono, non posso che essere ottimista. Se questo si realizzerà, tuttavia, lo scopriremo solo in futuro. Fra trent’anni il mondo sarà diverso e i protagonisti saranno i inevitabilmente i ragazzi di oggi” conclude Segrè.

Spreco alimentare: situazione e nuove prospettive

Dopo aver presentato i contenuti de Il gusto per le cose giuste, l’intervistato si esprime su alcune delle tematiche più recenti legate allo spreco alimentare. Com’è noto, Andrea Segrè è impegnato da anni e su più fronti nel contrasto a questo fenomeno.

La legge antispreco è efficace?

A distanza di più di un anno dall’approvazione della legge contro lo spreco alimentare, l’intervistato riconosce l’efficacia nel recupero di prodotti alimentari. “Al momento non disponiamo di stime precise, ma indubbiamente il provvedimento favorisce i recuperi. Questo quadro normativo porta a una semplificazione, che di fatto riprende tante buone pratiche che già si applicavano nel nostro Paese.

Come ricorda Segrè, il fulcro della legge è l’incentivo al recupero, anche se il percorso che ha preceduto questo atteso provvedimento parte da lontano. “Abbiamo iniziato con lo studio degli sconti sulle tariffe dei rifiuti, applicandolo prima a Ferrara, nel 2005, con la multiutilitylocale”. Oggi un articolo della legge stabilisce che lo sconto può essere applicato ovunque, un passo importante, nonostante ci sia ancora molto da fare, perché non tutti i Comuni lo applicano.

Più prevenzione

Per l’intervistato, il punto chiave, che peraltro la legge traccia, è l’aspetto della prevenzione. “Sappiamo che la maggior parte degli sprechi ha origini domestiche, e pertanto non può essere recuperata. La prevenzione si fa attraverso l’educazione alimentare, in questo ambito bisognerebbe continuare a insistere perché con il solo recupero non si risolve il problema della fame nel mondo e della povertà, al limite si tampona un bisogno essenziale”. Peraltro, non si può giustificare lo spreco con il recupero. La causa della fame è la povertà economica, che si traduce in povertà alimentare. La cultura della prevenzione degli sprechi rende il sistema più sostenibile, riducendo la produzione di rifiuti e liberando risorse che possono essere utilizzate per combattere la povertà.

Il provvedimento va migliorato?

Secondo l’intervistato la legge allo stato attuale funziona, e col tempo la disponibilità di dati consentirà elaborazioni e valutazioni più importanti. La cosa importante è convincersi che la lotta allo spreco alimentare non finisce con il recupero. Pur essendo fondamentale promuoverlo, semplificarlo e aumentarlo il più possibile, è indispensabile entrare in un’ottica di prevenzione, altrimenti il problema non si può risolvere.

In Francia, invece…

Parlando dell’analoga legge francese – basata sulle sanzioni anziché sugli incentivi – Segrè si mostra critico, sottolineando l’eccessiva enfasi che ha fatto seguito al provvedimento, soprattutto in Italia. Il cosiddetto ‘reato alimentare’ assume una valenza simbolica, difficile da mettere in atto e tendenzialmente demagogica, ma poco efficace sul piano pratico. Nel mondo il recupero è praticato da anni e da tante realtà diverse, l’importante è capire qual sia il sistema più efficiente. L’incentivo generato da uno sconto sui rifiuti costituisce uno sprone considerevole, mentre l’impostazione punitiva non crea un atteggiamento positivo nel contrasto allo spreco alimentare.

Un’iniziativa antispreco europea è possibile?

Andrea Segrè precisa che “molti Paesi in Europa hanno studiato provvedimenti contro questo fenomeno. Noi siamo stati i primi, nel 2010, a presentare al Parlamento europeo la Dichiarazione congiunta contro lo spreco alimentare, per mettere in luce un problema rilevante. Il nostro documento è diventato una risoluzione del Parlamento, votata in sessione plenaria nel gennaio 2012, con l’interesse di tutte le forze politiche”. Questa è stata la prima iniziativa in Europa, in seguito diversi Stati si sono mossi autonomamente, ma “a livello comunitario siamo ancora alle discussioni sulla definizione dello spreco. Mettere d’accordo tutti è difficile, perché ci sono anche degli interessi coi quali confrontarsi”. Allo stato attuale, quindi, sembra lontana una legislazione unitaria su questa materia.

Lo spreco domestico

L’intervistato descrive alcune dinamiche legate allo spreco alimentare. Se è vero che il fenomeno è diffuso e trasversale, in genere si registra una certa predisposizione da parte dei giovani, che spesso prestano meno attenzione sulle scadenze. “Siamo tutti un po’ spreconi perché disattenti, poco responsabili o poco informati”. In un nostro articolo ci siamo occupati della corretta disposizione e conservazione dei cibi in frigorifero.

Risulta interessante il rapporto fra spreco alimentare e fattore economico, che non sempre segue logiche prevedibili. Segrè ricorda che “con la crisi sono diminuiti i rifiuti, e in generale c’è sempre stata una correlazione tra crescita economica e crescita dei rifiuti, che viceversa non esiste tra crisi economica e diminuzione degli sprechi”. In sostanza, si tratta di una questione di comportamenti, che la crisi non ha necessariamente cambiato. Diminuendo le capacità di acquistare, nel dato finale si nota che i rifiuti sono diminuiti. Anche se si potrebbe pensare che avvenga lo stesso per gli sprechi, non è dimostrato che ci sia una correlazione analoga.

Rifiuto Vs Spreco

Per capire meglio questo passaggio, è bene precisare la differenza tra spreco e rifiuto:

  1. il rifiuto è uno scarto che consegue all’utilizzo di un prodotto.
  2. Lo spreco, invece, è lo scarto di un prodotto rimasto inutilizzato, in seguito alla scadenza, al danneggiamento reale o presunto, o alla deliberata rinuncia al consumo.

Dopo questo approfondimento sull’ultimo saggio di Andrea Segrè e sullo spreco alimentare, può essere interessante leggere i nostri articoli sul libro Vivere a spreco zero, sui consigli per conservare le verdure in frigorifero e sulle tasse contro il cibo spazzatura.

Fonte: http://www.ilgiornaledelcibo.it/il-gusto-per-le-cose-giuste-libro/

Orte 31 agosto – 10 settembre 2017: Ottava de Santo Egidio

Manifestazioni storico-rievocative a Orte 31 agosto – 10 settembre 2017 (bonifacius pp. IX solemniter celebravit a.d. 1396)


  Festa di antica tradizione, solennizzata da Papa Bonifacio IX nel 1396 con la concessione delle stesse indulgenze della Porziuncola di Assisi, si celebrava con grande impegno pubblico codificato negli statuti comunali.
Particolarmente solenne la grande processione alla quale partecipavano tutte le magistrature cittadine e le sedici corporazioni delle arti.
Grande attrazione veniva esercitata dalle corse di cavalli all’anello, per le quali gli statuti del 1359 prevedevano un luogo apposito, l’equinum, e la partecipazione di qualunque cittadino ortano. Si svolgevano inoltre tornei di tiro con l’arco e con la balestra, corse podistiche e regate di barche sul Tevere dette “ludi tiberini” o “le calate” perchè una gran folla dalla città scendeva lungo le rive del fiume.
Accompagnava la festa, durante gli otto giorni, una grande fiera di merci in città e di bestiame al di là del fiume detta Fiera dei Campanelli, bandita fino a Perugia e a Norcia.
Gli Ortani di oggi hanno conservato la loro devozione a Sant’Egidio.
Le Sette Contrade, dal 31 Agosto alla seconda domenica di Settembre di ogni anno, festeggiano il Santo Patrono. Ogni giorno c’è festa in contrada con giochi, teatro, musiche ecc. L’ottavo giorno è dedicato al Palio degli Arcieri che si contendono, per la propria contrada nella piazza centrale, l’anello d’argento di 10 cm. al quale tirano con archi di legno di tipo medievale.
Uomini e donne delle Contrade vi vanno ad assistere in abiti trecenteschi, formando un corteo che attraversa le vie della città. Rappresentanze più ridotte partecipano la sera del 31 Agosto alla Benedizione dei Gonfaloni in Cattedrale e nella prima domenica di Settembre al Corteo di notte, giuramento del Podestà.

Orte, vista dall’alto

Programma

Giovedì 31 agosto

Ore 21.30 SOLENNE PROCESSIONE per le vie della Città con la statua del Patrono Santo Egidio Abate
Ore 22.30 BENEDIZIONE DEI GONFALONI e degli Arcieri delle 7 Contrade di Orte. Piazza della Libertà
Ore 24.00 Santo Egidio Giovani: SCIMMIASAKI – VENUS IN FURS in Concerto. Stand birra. Giardini Nesbitt

Venerdì 1 settembre – Festa de lo Santo Patrono

Ore 08.30 Santa Messa. Basilica di Santa Maria Assunta
Ore 11.30 MESSA SOLENNE concelebrata da S.E. Romano Rossi, Vescovo Diocesano Basilica S. Maria Assunta.
Ore 18.00 Presentazione del libro “ Orte se chiudo gli occhi sembra ieri” di Bruno Salvatori. Sala delle Bandiere Palazzo Nuzzi.
Ore 18.30 CONCERTO della Banda Musicale “Città di Orte”, diretto dal Maestro A.Fiabane. Piazza della Libertà
Ore 21.30 SPETTACOLO MUSICALE “TALE e QUALE in tour live” Piazza della Libertà
Posti a sedere su prenotazione. Info e prenotazioni Ufficio Pro Loco Orte dal 25 agosto dalle ore 18 alle ore 20.
Ore 23.30 GRANDE TOMBOLA. Piazza della Libertà
Ore 24.00 SPETTACOLO PIROTECNICO. Piazza della Libertà

Sabato 2 settembre

Ore 09.00 “Luci e Ombre nel Medioevo” IIa edizione Concorso di Pittura Estemporanea. Vie e piazze della Città
Ore 18.00 Apertura “Mercatino Medievale”. Vie e piazze della Città.
Ore 18.00 “Risultati delle ricerche archeologiche su Orte e il suo Territorio”. Presentazione del volume curato dal Dott. Giancarlo Pastura. Interverranno gli autori. Palazzo Roberteschi.
Ore 18.00 “Fuoco” Spettacolo di piazza a cura della “Compagnia Del Drago Nero”. Piazza della Libertà
Ore 19.00 Premiazione dei vincitori seconda edizione Estemporanea di Pittura “Luci e Ombre nel Medioevo”, presso la sede distaccata dell’Università della Tuscia – Via Cavour 23.
Ore 19.30 Spettacolo itinerante a cura della “Compagnia Del Drago Nero”. Vie e piazze della Città.
Ore 20.00 Apertura Taverne.
Ore 22.00 “La disfida a suon di Tamburo” gara tra i musici delle 7 Contrade. Piazza della Libertà
Ore 23.00 “Li numeri de Monna Silvia e Messer Egidio”. Gioco a premi offerti da: Paris New Jewel

Domenica 3 settembre

Ore 10.00 “Trofeo delle 7 Contrade “gara podistica a cura dell’Ass. Sportiva “Atletica Orte” XVII edizione con partenza loc. Fabbri ed arrivo in Piazza della Libertà.
Ore 13.00 Apertura Taverne
Ore 18.00 Apertura “Mercatino Medievale” Vie e piazze della Città.
Ore 18.00 “Tatto, Udito, Gusto, Vista, Olfatto: 5 ingredienti per una favola a modo nostro” di Lorenza Federico Spettacolo con i bambini delle 7 Contrade. Piazza della Libertà
A seguire mini corteo dei piccoli attori per le vie della Città.
Ore 19.30 Spettacolo itinerante a cura della “Compagnia Del Drago Nero”. Vie e piazze della Città.
Ore 20.00 Apertura Taverne.
Ore 22.00 “Corteo de Nocte e Giuramento de lo Podesta’”.
Maggiorenti e Nobiltà delle Contrade vanno ad accogliere il nuovo Podestà – Piazza del Popolo – per poi assistere alla Cerimonia del Giuramento e al dono dell’anello d’argento – Piazza della Libertà.
A seguire “Parsifal” Spettacolo teatrale a cura della “Compagnia Del Drago Nero”. Piazza della Libertà.
Ore 23.00 “Li numeri de le 7 Contrade”. Con Messer Egidio gioco a premi offerti da: L’Angolo di Simone

Lunedì 4 settembre

Ore 20.00 Apertura Taverne
Ore 20.00 Festa delle Contrade S. Giovenale e Olivola. Cortei di rappresentanza delle Contrade in festa. Vie e piazze della Città.
Ore 22.00 “Lo Giostrar de lo Contradaiolo” disfida tra i giovani delle 7 Contrade. Piazza della Libertà
Ore 23.30 “Li numeri de le 7 Contrade”. Con Messer Egidio. gioco a premi offerti da; Associazione Culturale VeramenteOrte

Martedì 5 settembre

Ore 20.00 Apertura Taverne
Ore 20.00 Festa delle Contrade S. Biagio e S.Sebastiano. Cortei di rappresentanza delle Contrade in festa. Vie e piazze della Città.
Ore 22.00 Giochi di Bandiera esibizione del Gruppo Bandierai Quattro Quarti della Città di L’Aquila. Piazza della Libertà
Ore 23.30 “Li numeri de le 7 Contrade”. Con Messer Egidio. gioco a premi offerti da: I TEAM

Mercoledì 6 settembre

Ore 20.00 Apertura Taverne
Ore 20.00 Festa delle Contrade S.Gregorio e Porcini. Cortei di rappresentanza delle Contrade in festa. vie e piazze della Città.
Ore 22.00 “Lo Giostrar de li Borghi” giochi medievali senza confini. Piazza della Libertà
Ore 23.30 “Li numeri de le 7 Contrade”. Con Messer Egidio. gioco a premi offerti da, Parrucchiera Sensini Lolita

Giovedì 7 settembre

Ore 19.00 “Giochi di Bandiera” eseguiti dai piccoli Sbandieratori delle 7 Contrade di Orte. Piazza della Libertà.
Ore 19.30 Spettacolo itinerante a cura della “ Compagnia dei Goliardi” Vie e piazze della Città.
Ore 20.00 Apertura Taverne.
Ore 20.00 Festa della Contrada S.Angelo. Corteo di rappresentanza della Contrada in festa. Vie e piazze della Città.
Ore 22.00 “Disfida tra Vecchi Archi”. Piazza della Libertà
Ore 23.30 “Li numeri de le 7 Contrade”. Con Messer Egidio. gioco a premi offerti da: Pizzeria Tin Tin via dei Maratoneti 4 (nuovo indirizzo)

Venerdì 8 settembre

Ore 18.00 Apertura “Mercatino Medievale” . Vie e piazze della Città.
Ore 19.00 “ Danze Medievali” a cura dell’ Associazione Culturale “il Palcoscenico”
Ore 19.30 Spettacolo itinerante a cura della “ Compagnia dei Goliardi”. Vie e piazze della Città.
Ore 20.00 Apertura Taverne.
Ore 22.00 “Ostende Ignis” a cura della “Compagnia la Barraca”.Piazza della Libertà.
Ore 23.30 “Li numeri de le 7 Contrade”. Con Messer Egidio. gioco a premi offerti da; Il Mattarello

Sabato 9 settembre

Ore 17.00 “Ricerche e Restauri dell’Università della Tuscia”. Intervengono docenti, ricercatori e laureati dell’Ateneo. Sala di Giobbe.
Ore 18.00 Apertura “Mercatino Medievale” Vie e piazze della Città.
Ore 18.30 Palazzo Deci – Celiani concerto di musica antica del 1600 “T’amai Gran Tempo” a cura di Incontri Mediterranei eseguito dall’Ensemble Ottaviano Alberti. Info 333 2214656
Ore 19.00 Esibizione del Gruppo Storico “Spadaccini di Soriano nel Cimino”. Piazza della Libertà
Ore 19.30 Spettacolo itinerante a cura della “Compagnia dei Goliardi”. Vie e piazze della Città.
Ore 20.00 Apertura Taverne.
Ore 22.00 Piccolo Teatro Nuovo presenta “Alchimie di Fuoco”. Piazza della Libertà.
Ore 23.30 “Li numeri de le 7 Contrade”. Con Messer Egidio. gioco a premi offerti da; Ente Ottava Medievale

Domenica 10 settembre

Ore 11.30 BANDO DEL PALIO. Vie e piazze della Città
Ore 12.00 Apertura “Mercatino Medievale” Vie e le piazze della Città.
Ore 13.00 Apertura Taverne.
Ore 15.00 GRANDE CORTEO STORICO per le vie della Città – preceduto dai giochi di bandiera dei piccoli sbandieratori delle 7 Contrade di Orte. Piazza della Libertà.
Posti a sedere su prenotazione info e prenotazioni presso Ufficio Pro Loco Orte
Ore 17.00 PALIO DEGLI ARCIERI: Disputa dell’Anello d’Argento tra gli arcieri delle 7 Contrade di Orte. Piazza della Libertà.
Ore 20.00 Apertura Taverne.
Ore 22.00 “GIOCHI DI BANDIERA” esibizione del Gruppo Sbandieratori delle 7 Contrade di Orte. Piazza della Libertà.
Ore 23.00 Estrazione della “LOTTERIA DE SANTO EGIDIO 2017”. Piazza della Libertà.

Contatti: +39 0761.493148

http://www.ottavamedievale.it/

Come arrivare

Indicazioni per raggiungere il Centro Storico della Città di Orte, sede delle manifestazioni dell’Ottava di Sant’Egidio.

E’ disponibile un ampio parcheggio in zona Impianti Sportivi (inizio strada per Orte Scalo, sotto il centro storico) dal quale funziona, il pomeriggio e la sera, un servizio continuo di bus navetta.

DA ROMA IN AUTO:
Autostrada A1 direzione Firenze – Uscita 33 Orte
Percorrere la SS.204 per circa 2 Km dal casello autostradale in direzione Viterbo

DA ROMA IN TRENO:
Ferrovia linea Roma-Firenze oppure Roma-Ancona – Stazione di Orte
Raggiungere il Centro Storico di Orte con i servizi antistanti la stazione.

DA FIRENZE IN AUTO:
Autostrada A1 direzione Roma – Uscita 33 Orte
Percorrere la SS.204 per circa 2 Km dal casello autostradale in direzione Viterbo

DA FIRENZE IN TRENO :
Ferrovia linea Firenze-Roma – Stazione di Orte
Raggiungere il Centro Storico di Orte con i servizi antistanti la stazione.

DA PERUGIA IN AUTO:
E45 [SS3BIS] direzione E45-A1-Terni-Orte-Roma
Percorrere la SS.204 in direzione Viterbo

DA PERUGIA IN TRENO :
Ferrovia linea Perugia-Roma – Stazione di Orte
Raggiungere il Centro Storico di Orte con i servizi antistanti la stazione.

______

Da sabato 2 settembre a domenica 10, in locali di particolare pregio storico-architettonico, saranno aperte le tipiche TAVERNE di CONTRADA

Informazioni e prenotazioni / Information & reservations:
  • Taverna Contrada San Gregorio – Tel. 333.4623276 – Facebook
  • Taverna Contrada Porcini – Tel. 338.9628750 – Facebook
  • Taverna Contrada Sant’Angelo – Tel. 389.6817958 – Facebook
  • Taverna Contrada San Giovenale – Tel. 329.1606857 – Facebook
  • Taverna Contrada Olivola – Tel. 0761.402393 – 338.5812107 – Facebook
  • Taverna Contrada San Biagio – Tel. 0761.403180 – 339.3736616 – Web – Facebook
  • Taverna Contrada San Sebastiano – Tel. 338.7128331 – WebFacebook

La città di Orte è ripartita come allora in Sette Contrade:
CONTRADA SAN GREGORIO
CONTRADA PORCINI
CONTRADA SANT’ANGELO
CONTRADA SAN GIOVENALE
CONTRADA OLIVOLA
CONTRADA SAN BIAGIO
CONTRADA SAN SEBASTIANO

Mappa Contrade e Taverne / Contrade & Taverns maps

_

EVENTI

Lo gusto de lo medioevo

“SCENE DI VITA MEDIEVALE”: Itinerario gastronomico attraverso i secoli del medioevo.
TERZA DOMENICA DI OTTOBRE
Info e prenotazioni: info@ottavamedievale.it – Tel. 366.3154218


Visite guidate Orte Sotterranea

A cura dell’ASSOCIAZIONE CULTURALE VERAMENTEORTE
Info e prenotazioni:
Ufficio Turistico – Via Matteotti, Orte Centro Storico
Telefono: +39 327.3978831 – 0761.404357 – e-mail: visitaorte@gmail.comhttp://www.visitaorte.com

Da lunedì a venerdì: Partenze ore 15.15 – 17.00 – 18.30
Sabato e domenica: Partenze ore 09.15 – 11.00 – 15.15 – 17.00 – 18.30
Domenica 10 settembre: Partenze ore 09.15 – 11.00

Venerdì 8 settembre
ore 22.00 – HORTAE DE NOCTE – VISITE GUIDATE IN NOTTURNA
E’ obbligatoria la prenotazione

PER LE VISITE AI SOTTERRANEI E’ OBBLIGATORIA PRENOTAZIONE. SONO CONSIGLIATI ABITI E CALZATURE IDONEI


BUS NAVETTA

Servizio Navetta continuo, dal 31 agosto al 10 settembre con partenza dal parcheggio degli impianti sportivi (strada per Orte Scalo) e arrivo al Centro Storico, acquistando un biglietto della lotteria (1 Euro)
– 31 agosto dalle ore 21.00 alle ore 01.00
– 01 settembre dalle ore 18.00 alle ore 01.00
– 02 settembre dalle ore 08.00 alle ore 10.00 – ore 18.00 alle ore 01.00
– 03 settembre dalle ore 08.00 alle ore 01.00
– 04 settembre dalle ore 19.00 alle ore 01.00
– 05 settembre dalle ore 19.00 alle ore 01.00
– 06 settembre dalle ore 19.00 alle ore 01.00
– 07 settembre dalle ore 18.00 alle ore 01.00
– 08 settembre dalle ore 18.00 alle ore 01.00
– 09 settembre dalle ore 17.00 alle ore 01.00
– 10 settembre dalle ore 10.00 alle ore 01.00


Informazioni presso:

Ente Ottava Medievale di Orte
Tel. 0761.493148 e 366.3154218 – E-mail: info@ottavamedievale.it

Gelsomino il fiore afrodisiaco e antidepressivo

Nel mondo scientifico è noto come Jasminum, è rampicante fino a raggiungere i 4-6 metri, dipende anche dalla specie che ci troviamo di fronte, le più note e coltivate come piante ornamentali sono il gelsomino comune, quello di Spagna, il trifogliato e il marzolino.

Da questa pianta, si estrae l’olio essenziale spesso e volentieri utilizzato per la formulazione di creme ed essenze. Il tipico profumo è noto da tempi antichi, nella Persia, sua patria, ma anche tra gli antichi greci e romani. Il primo a coltivare il gelsomino in Italia fu Cosimo I de Medici, oggi nella nostra penisola trova spazio soprattutto, a livello industriale, in Calabria e Sicilia dove se ne ricavano profumi. Ovviamente in ogni dove, non c’è giardino che non desideri ospitarne uno.
In ambito erboristico-fitoterapico la varietà Gelsemium nitidum, tipica delle Americhe ha la sua fama come antispasmodico e antireumatico, oltre che come rimedio contro i malesseri del sistema respiratorio: tosse, raucedine, catarro e laringiti lievi. Inoltre, se ci procuriamo la tintura madre, dalle radici del fiore, ecco la cura possibile per insonnia, emicrania, perdita di memoria e raffreddore.

Nel campo della cosmesi, il gelsomino spopola a dir poco: essenza per realizzare profumi, acque profumate, lozioni e creme, shampoo… di tutto! Perfino i sali da bagno all’essenza di gelsomino ci sono, e non solo sono profumatissimi, quindi mettono buon umore, ma hanno anche un blando sedativo e rilassante andando ad agire a livello cerebrale e psichico. A fine bagno saremo rilassati e propositivi.

Un tempo, infine, ma chissà se qualcuno ancora oggi scaramanticamente un po’ ci vuole credere ancora, il gelsomino era ritenuto utile per estirpare invidia e gelosia alle persone, e per imparare ad assumersi le proprie responsabilità diventando consapevoli di come si agisce e ci si comporta. Se funziona, un bagno di gelsomino per grandi e piccini, dal tacco alla punta del nostro Stivale.

Read more at https://www.ideegreen.it/gelsomino-pianta-proprieta-71427.html#Xhb9QTm3LKloYfD0.99

Salute e Benessere

3065241506_0b3d02805e_b-525x328

La depressione è il male del secolo attuale. Molti sono depressi e non sanno di esserlo, altri combattono da anni contro questa malattia rischiando molto spesso anche la vita. La depressione, se non curata, porta purtroppo a conseguenze molto gravi. Ma i fiori vengono in aiuto come perfetti antidepressivi.

Da questa pianta, si estrae l’olio essenziale spesso e volentieri utilizzato per la formulazione di creme ed essenze. Il tipico profumo è noto da tempi antichi, nella Persia, sua patria, ma anche tra gli antichi greci e romani. Il primo a coltivare il gelsomino in Italia fu Cosimo I de Medici.

Olio di gelsomino è molto efficace su ansia, depressione, cura della pelle, tosse nervosa, calo della libido, problemi ormonali femminili, nervosismo, stress.Un massaggio con olio di gelsomino.Il massaggio con olio di gelsomino risveglia il romanticismo e le sensazioni erotiche.

646x404

View original post

Festa del papà. La Crusca: ecco perché si dice ‘babbo’

L’espressione “papà” è un vecchissimo francesismo, usato tradizionalmente anche nel nord Italia, mentre “babbo” risulta una espressione autoctona, ovvero assolutamente locale. 
L’intervista all’esperto.

“Ché non è impresa da pigliare a gabbo / discriver fondo a tutto l’universo, / né da lingua che chiami mamma o babbo“, si legge nell’Inferno dantesco, quando all’inizio del canto XXXII il poeta è in cerca delle parole più adatte per descrivere il fondo dell’universo. Sebbene nell’opera “De vulgari eloquentia” Dante condanni fermamente l’uso delle parole “mamma” e “babbo”, classificandole come termini puerili, è facile osservare quanto l’espressione alternativa per riferirsi alla figura paterna fosse diffusa in Toscana fin dall’antichità.

Oggi, però, i toscani sono tra i pochi a usarla, ma non gli unici. Il termine “babbo”, infatti, è diffuso nella medesima accezione anche in Romagna, Umbria, Marche, Sardegna e nel Lazio settentrionale. A dirlo è Matilde Paoli, della redazione della consulenza linguistica dell’Accademia della Crusca: “Niente di più naturale: “babbo”, così come “papà” e “mamma”, è una delle prime parole che un bambino pronuncia – spiega la dottoressa Paoli – I termini affettivi per “padre” e “madre” hanno questo tipo di origine: forse non molto interessante per un erudito, ma certamente molto bello”.

L’italiano moderno, accanto a “papà”, accetta anche questa forma familiare affettiva, presente in tutti i dizionari: entrambe le parole, infatti, costituiscono due “forme tipiche del primissimo linguaggio infantile, costituite dalla ripetizione di una sillaba, perlopiù formata dalla vocale a e da una consonante bilabiale (p, b, m), i suoni più facili da produrre per i bambini”, precisa la dottoressa Paoli.

L’espressione “papà” è un vecchissimo francesismo, usato tradizionalmente anche nel nord Italia, data la contiguità di area, mentre “babbo” risulta una espressione autoctona, ovvero assolutamente locale: “Spesso nei vocabolari viene indicata come voce affettiva – osserva ancora Paoli – in realtà nel toscano tradizionale è anche voce denotativa, perché quando parliamo diciamo “babbo” e non “padre”. Quest’ultimo termine, infatti, seleziona non solo l’italiano, ma anche una lingua molto formale”.

La diatriba tra “papà” e “babbo” era una questione tipicamente ottocentesca, come si evince dalle di Giuseppe Frizzi, che del 1865 scrisse: “Padre è la voce vera e nobile, la quale si riferisce a tutti i padri in generale; e si trasporta a significare paternità spirituale, e comecchessia Colui che primo ha dato origine a una cosa. – Babbo è voce da fanciulli, ed è usata anche dagli adulti a significazione di affetto, e suol dirsi parlando del proprio padre o del padre di colui a cui parliamo. – La voce Papà è una leziosaggine francese che suona nelle bocche di quegli sciocchi, i quali si pensano di mostrarsi più compiti scimmiottando gli stranieri”.

La primissima diffusione del termine “papà”, continua Paoli, divenne una sorta di questione sociale, dove “i ricchi preferivano “papà”, al contrario le persone del popolo, quindi più genuine, prediligevano “babbo”, soprattutto in Toscana. E di fatto, ancora oggi si dice “figlio di papà”, mentre “figlio di babbo” non funziona proprio. Lo stesso Pascoli si opponeva a questa discussione, in quanto “papà” è una parola da bambino al pari di “babbo”, ed è assurdo fare una censura su questi termini”.

Nella recente indagine “La lingua delle città” per misurare l’italiano parlato, è emerso come la parola “babbo” stia progressivamente perdendo terreno: in Sardegna, riporta Paoli, in particolare nelle zone di Cagliari e Sassari, il termine “papà” risulta infatti sempre più diffuso. Al contrario, “babbo natale” viene sempre preferito a “papà Natale”, mentre lo stesso termine “babbo” è apparso recentemente in una pubblicità televisiva: “un modo per riaffermare la tradizionalità e la familiarità di questo termine”, conclude Paoli. In ogni caso, auguri a tutti: papà o babbi che siano.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: